Finesse

Se qualcuno non risponde MAI e poi MAI ai messaggi che qualcun altro gli manda forse questo qualcun altro dovrebbe smettere di comportarsi tipo stalker e lasciar perdere…no??
Io sono una di quelle che se non riceve risposte più e più volte, smetto di cercare le persone, che credo non vogliano essere cercate.  ECHECAZZ!!

Annunci
Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

E il tempo dilatato

Il tempo…quanto dura il tempo? Un attimo? Un’ora? Un’eternità?
Per me il tempo non ha misura.
E’ come quando non vedi l’ora che passi veloce e invece ti sembra non passare mai…di solito la sera quando devi chiudere l’ufficio e sei stanca e guardi l’orologio e i minuti non passano mai.
Oggi ho realizzato che sono solo di un anno e mezzo fa i miei recenti ricordi di Londra….Londra e le sue olimpiadi del 2012. Eppure quel tempo mi sembra così lontano, quasi fosse un’altra era, un’altra vita.
E che di solito il tempo sembra tanto quando è pieno di cose, pieno di vita. Io non ho fatto molto in quest’anno e mezzo e soprattutto ultimamente sono così annoiata che trovo noiosa anche la tv. Ma forse è per questo che il tempo mi sembra così dilatato.

 

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Considerazioni a tempo perso

Io che ho sempre pensato che l’amicizia andasse oltre ad un sacco di cose: oltre le distanze, oltre i momenti bui, oltre la quotidianità.
Perchè quando si è amici lo si è sempre, a prescindere. Altrimenti credo che non sia vera amicizia.
Che non può bastare che uno dei due stia male, non può bastare incontrare nuovi amici, non può bastare vedersi con meno frequenza per far crollare tutto. O almeno io ho sempre pensato così.
E poi ti ritrovi a pensare a come le persone a cui tieni di più son quelle capaci di farti più male.
Che non serve, tra amici, percorrere sempre la stessa strada. Gli amici si guardano percorrere le loro vite presenti con discrezione…ti sostengono e non ti abbandonano mai.
Con un amico non ti senti un pesce fuor d’acqua, non ti senti di troppo, non ti senti un’intrusa…
E allora c’è qualcosa che non quadra…mi faccio una domanda e mi do pure una risposta marzullianamente??

 

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento

Per conoscere una persona…

Per conoscere una persona, dalle mie parti, si dice che ci devi mangiare insieme.
Vuol dire che bisogna frequentarla e conoscerla al di fuori dei contesti in cui l’hai frequentata normalmente.
E mai tale detto si è rivelato più veritiero come in questa occasione.
Che tu lo vedi li:  bello simpatico, fisicato…ogni tanto invidi un po’ anche la compagna che ce l’ha affianco da 10 anni.
Fino a quando lei non lo molla e lui inizia ad uscire con il tuo gruppo.
E esci oggi, vai al mare domani, scatta quella simpatia che era latente da anni. Che poi lui, si sa, il mio ex non l’ha mai sofferto.
E inizi pure a pensare che forse…magari… e ti fai mille problemi sull’età, sulla figlia, su mille cose.
Poi piano piano esce fuori che tante cose che lui non sopportava del tuo ex le fa anche lui.
E tante cose per cui tu sei stata male per il tuo ex le trovi anche in lui.
Primo caso di clonazione umana??!!?? Lo guardavo parlare a volte con la sudarella.
Poi ha inanellato una serie di mosse sbagliate tra cui:
– fare miciomicio-baubau al telefono e non si decide mai a chiederti di uscire…
– rosicare perchè “quello sta a fa il simpatico con te” e non sfruttare mai una delle innumerevoli occasioni per accompagnarti  a casa…
Io poi, non sono mai stata una in grado di aspettare le mosse degli altri, mi son sempre presa quello che ho voluto. Ma quel famoso qualcosa che non toccava a sto giro mi ha fatto fare le cose con calma.
E per fortuna!
Che poi a forza di frequentare il CloneDi capisci che a te uno così pettegolo, borioso, pieno di se, criticone, SoTuttoIoEVoiNonSieteNiente già l’hai avuto, già hai dato anni alla causa e questa volta non sei disposta a sprecare tempo!

Pubblicato in Uncategorized | 5 commenti

Delle scelte non scelte.

Sai di quelli che dicono: non so cosa voglio ma so bene cosa non voglio?
Ecco, io sono un paio di giorni che mi arrovello su sta frase nell’inutile intento di darle una spiegazione. Perché potrebbe essere semplice ma a me sembra decisamente contraddittoria…no?
Che se io so quello che NON voglio per esclusione vado a definire quello che invece voglio.
Si, ok..mentre scrivo mi rendo conto che non è poi così semplice, soprattutto se si pensa di dover fare una scelta tra molteplici possibilità.
Tipo che se dichiaro che non so che gelato voglio ma di certo non voglio il gelato al limone, le possibilità di scelta (visto che fanno pure il gelato al gusto d’aria fritta!) sfiorano l’infinito.
Ma frasi del genere non ti si presentano in testa mentre sei in fila al banco dei gelati.
No!
Ti si presentano quando, per l’ennesima volta, sei sotto attacco del fuoco incrociato di parenti e amici che ti devono appioppare lo scapolo di turno perché “lui è figo e vicino a te ci sta bene”…o quando ti guardano con aria scocciata e ti dicono “ma allora sei tu che non ti accontenti mai! chissà che cerchi!”
Ecco…in casi così io so quello che NON voglio che alla fine definisce bene quello che voglio perché semplicemente il non volere una cosa automaticamente abilita a volere l’opposto.

Pubblicato in Uncategorized | 2 commenti

Qualcosa non tocca

E’ che sembra tutto perfetto… o quasi. Ma io lo so che la perfezione assoluta non esiste. Diciamo allora che sulla carta si avvicina di molto alla perfezione, almeno per me.
Ma poi c’è qualcosa che non quadra, quella carta che non fa scopa con le altre, quel taglio di sbieco che non fa combaciare perfettamente tutti i pezzi del puzzle. Che a dirla tutta il puzzle sembra incastrato benissimo ma se lo guardi bene c’è qualcosa che non tocca.

Pubblicato in Uncategorized | 3 commenti

Che senso ha?

….che dopo mesi e mesi che non scrivi più, che senso ha tornare a scrivere di punto in bianco di cose che ti stanno capitando ora?
Che per capirle dovresti spiegare i precedenti…che per spiegarle dovresti raccontare anni di silenzi…
Ma è sempre in testa quel cricetino che si agita e dice “scrivilo sul blog, parlane, sfogati o semplicemente raccontalo”.
Magari da qui a stasera un senso ce lo trovo per tornare a raccontare…

 

Pubblicato in Uncategorized | 4 commenti