Considerazioni a tempo perso

Io che ho sempre pensato che l’amicizia andasse oltre ad un sacco di cose: oltre le distanze, oltre i momenti bui, oltre la quotidianità.
Perchè quando si è amici lo si è sempre, a prescindere. Altrimenti credo che non sia vera amicizia.
Che non può bastare che uno dei due stia male, non può bastare incontrare nuovi amici, non può bastare vedersi con meno frequenza per far crollare tutto. O almeno io ho sempre pensato così.
E poi ti ritrovi a pensare a come le persone a cui tieni di più son quelle capaci di farti più male.
Che non serve, tra amici, percorrere sempre la stessa strada. Gli amici si guardano percorrere le loro vite presenti con discrezione…ti sostengono e non ti abbandonano mai.
Con un amico non ti senti un pesce fuor d’acqua, non ti senti di troppo, non ti senti un’intrusa…
E allora c’è qualcosa che non quadra…mi faccio una domanda e mi do pure una risposta marzullianamente??

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Considerazioni a tempo perso

  1. sylvietta ha detto:

    L’amicizia a volte è bastarda. O forse sono le persone (che si credevano amiche) ad esserlo. Personalmente credo che se l’amicizia esiste la si possa trovare solo in pochi selezionatissimi esseri. Come dire….. Per molti ma non per tutti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...